Get Adobe Flash player

 

PROSSIMA STAGIONE 2017-18

IL DONO

Per la scuola Primaria

Produzione Teatrodipietra Onlus

E’ il compleanno della volpe nello stesso giorno di Santa Klaus: nessuno ha il tempo  di ricordarselo perché il Natale è davvero vicino. Però la volpe soffre e vorrebbe a tutti costi i suoi regali che aspetta da un anno intero. L’ amico Elfo Taddeo prova a convincerlo che il dono è qualcosa che deve avere un valore speciale, che deve lasciare il segno e contenere un messaggio che viene dal cuore e che saper aspettare ripaga sempre. Anche la renna racconta aneddoti e ricordi e Babbo Natale dal suo laboratorio fa arrivare come sempre perle di saggezza. Riuscirà la volpe a capire tutti quei significati e abbandonare la sua smania per abbracciare invece l’importanza del donare?

Scheda tecnica sintetica

Titolo: IL DONO
Produzione Teatrodipietra 2017  per la  scuola Primaria
Personale: 3 attori, TECNICO
Personale richiesto a supporto: nessuno se non necessario. Se fornito il vostro tecnico non porteremo il nostro.
Requisiti minimi: dimensioni minime di palco: 5 x 3,5 mt; 2 quinte; impianto luci del palco; impianto voce; quadro elettrico con portata fino a 2.500 W; lettore CD.
Requisiti aggiuntivi: nessuno.
 

 

 

 

grinch-dueGIU' LE MANI DAL NATALE
PRODUZIONE TEATRODIPIETRA ONLUS 2016
Per la scuola Primaria

Una nuova produzione Natalizia che si va ad aggiungere alle altre degli anni precedenti. Questa volta esploriamo una storia 'classica' e amatissima dal piccolo e grande pubblico. La storia del Grinch per per motivi molto 'personali' non ama il Natale e arriverà persino a pensare di eliminarlo. Ma come in ogni favola natalizia vincono il bene e l'amore…e nella nostra versione liberamente ispirata ci sarà anche qualche piacevole sorpresa. Una commedia frizzante e piena di colori per un Natale all'insegna del sorriso e della leggerezza.

Scheda tecnica sintetica

Titolo: GIU' LE MANI DAL NATALE
Produzione Teatrodipietra 2014  per la  scuola Primaria
Personale: 3 attori, TECNICO
Personale richiesto a supporto: nessuno se non necessario. Se fornito il vostro tecnico non porteremo il nostro.
Requisiti minimi: dimensioni minime di palco: 5 x 3,5 mt; 2 quinte; impianto luci del palco; impianto voce; quadro elettrico con portata fino a 2.500 W; lettore CD.
Requisiti aggiuntivi: nessuno.
 

 

 

nataleCHE SORPRESE NEL CALENDARIO!

PRODUZIONE TEATRODIPIETRA ONLUS
Per la scuola dell'infanzia e la scuola primaria
Scenografia realizzata dagli allievi dell'Istituto Volta, Liceo Artistico di Pavia

Mentre Pastichelfa, Elfimede e Poetelfa, tre elfi monelli di Babbo Natale, sono indaffarati nei preparativi, i giorni del calendario dell’avvento passano sempre più velocemente, ma loro non se ne rendono conto: manca poco al Natale e molte sono ancora le cose da creare. Ma del resto c'è una tale confusione nel laboratorio che è difficile sapersi organizzare…e poi ogni occasione è buona per litigare. E così tra Babbo Natale che interviene a sopresa, continue interruzioni e scherzettetti, ecco che la notte più magica dell’anno è alle porte. Si arrabbierà Babbo Natale nello scoprire che gli elfi si sono prese un po’ troppe libertà?

Scheda tecnica sintetica

Titolo: CHE SOPRESE NEL CALENDARIO
Produzione Teatrodipietra 2014 per la scuola dell'Infanzia e per la  scuola Primaria
Personale: 3 attori, TECNICO
Personale richiesto a supporto: nessuno se non necessario. Se fornito il vostro tecnico non porteremo il nostro.
Requisiti minimi: dimensioni minime di palco: 5 x 3,5 mt; 2 quinte; impianto luci del palco; impianto voce; quadro elettrico con portata fino a 2.500 W; lettore CD.
Requisiti aggiuntivi: nessuno.
 

 

 

 

 

LETTO DA FAVOLA  UN LETTO

 

DA FAVOLA

PRODUZIONE TEATRODIPIETRA ONLUS 2017
Per la scuola dell'infanzia e primo ciclo scuola primaria
Con Matteo Bertuetti, Alessandra Camurri e Adriana Milani

Tony Storialunga, un bambino che adora le favole, si prepara ad andare a letto. Come tutti i bravi bambini si è messo il pigiama, si è lavato i denti e non aspetta altro che cadere nelle braccia di morfeo ascoltando la lettura della sua storia preferita. Invece nel letto chi c'è? Appaiono strani personaggi che sembrano usciti dai suoi libri: un'orsa, un pirata, una strega e un bambino molto bricconcello. Riuscirà Tony a convincere queste strane presenze a tornare nei loro libri? E soprattutto…riuscirà a farsi leggere una favola? Uno spettacolo pieno di situazioni esilaranti, gag e movimento in una stanza da letto che si trasformerà a seconda delle atmosfere create dai personaggi.

itolo: UN LETTO DA FAVOLA
Produzione Teatrodipietra 2016 per la scuola dell'Infanzia e primo ciclo della scuola Primaria
Personale: 3 attori, TECNICO
Personale richiesto a supporto: nessuno se non necessario. Se fornito il vostro tecnico non porteremo il nostro.
Requisiti minimi: dimensioni minime di palco: 5 x 3,5 mt; 2 quinte; impianto luci del palco; impianto voce; quadro elettrico con portata fino a 2.500 W; lettore CD.
Requisiti aggiuntivi: nessuno.

 

 

 

 

 

 

b 

 MILLE

 

VOLTE  CAPPUCCETTO!  

Spettacolo a tre attori
 Regia di ADRIANA MILANI

Mille volte Cappuccetto è una commedia che raggruppa diverse tecniche recitative come il lavoro d’attore e  l’improvvisazione, ma contiene anche delle parti cantate. Racconta la fiaba di cappuccetto rosso che tutti conoscono ma con dei punti di vista moderni e legati alla vita di oggi.
Nella prima scena cappuccetto rosso appare con la nonna in un contesto strano e umido: non vengono date spiegazioni  e la situazione viene lasciata in sospeso volutamente per essere chiarita solo nella seconda parte.

Cappuccetto rosso è una bambina moderna, un po’ schiacciata dalla figura materna, ma dotata di spirito di intraprendenza unita ad un’insolita dose di ingenuità. Durante lo spettacolo il suo personaggio sarà sempre più definito mentre racconterà la realtà che si trova intorno a lei (compagni di scuola, abitudini, difetti, sogni) sempre con uno spirito comico. L’altro attore in scena copre le parti della nonna, mamma, lupo e cacciatore, dando vita a caratterizzazioni e gag esilaranti. Così lo spettatore riceverà mille volte cappuccetto, perché una personalità è fatta di tante facce e spesso reagisce alle situazioni inaspettate con improvvisi cambiamenti e novità. Dopo il susseguirsi dei quadri scenici classici (casa della mamma, bosco e casa della nonna) tutto cambia, e l’uscita dal pericolo incombente della morte nella pancia del lupo sarà affidato al mezzo mediatico per eccellenza, la televisione. Così cappuccetto verrà sbalzata in un nuovo mondo, quello della popolarità improvvisa che la cambierà per sempre e la farà assomigliare a molte persone che vediamo quotidianamente intorno a noi.

Facendo l’occhiolino a ‘Esercizi di stile’ di Raymond Queneau, abbiamo scritto uno spettacolo vivo, vero e in continuo cambiamento che ci sembra donare agli spettatori un punto di vista originale e inaspettato.

Scheda tecnica sintetica

Titolo: MILLE VOLTE CAPPUCCETTO
Produzione Teatrodipietra 2009  per tutta la scuola Primaria
Personale: 2 attrici, TECNICO
Personale richiesto a supporto: nessuno se non necessario. Se fornito il vostro tecnico non porteremo il nostro.
Requisiti minimi: dimensioni minime di palco: 5 x 3,5 mt;
Requisiti minimi per i teatri: dimensioni minime di palco: 5 x 3,5 mt; numero 2 quinte; impianto luci di palco; impianto voce; quadro elettrico con portata fino a 2.500 W; lettore CD.
Requisiti aggiuntivi: nessuno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TONY  HA PAURA DEL BUIO

con ADRIANA MILANI E MATTEO BERTUETTI

regia di ADRIANA MILANI

Paura…tanta paura, paura del buio.
Perché un re della vita notturna, un gufo vorrebbe cambiare la sua natura? Perché ha paura del buio. Ancora non lo conosce non lo ha sperimentato e quindi, come il capriccio di un bambino, lo rifiuta a priori e non vuole confrontarsi con lui.
Ecco perché come per magia il Buio appare in carne ed ossa. E porta con sé tutto quel mistero, quel fascino e anche l’elemento pauroso che è insito in lui. I due, prima di parlarsi, si annusano, si scrutano, si guardano, prendono le misure, come è giusto che si faccia con gli sconosciuti.  Il buio però non è per niente spaventato, anzi è lì per compiere il suo lavoro quotidiano e così come una mamma educherebbe il suo bambino, allo stesso modo il Buio interagirà con Tony. Così il piccolo gufo un po’ pasticcione, simpatico e sempre in movimento, curioso ma fifone, sentirà la necessità di accettare la sfida e senza accorgersene si metterà in gioco e sfiderà le sue paure.
Il Buio allora sarà capace, con l’astuzia e la sapienza di un adulto, di spiegargli che l’oscurità della notte è utile, affascinante, simpatica e divertente. E userà tutti i mezzi a lui possibile: il gioco, la sorpresa, il racconto, le coccole, gli spaventi, i pericoli. Lo spettacolo si alterna così fra momenti teneri e momenti ludici , tra siparietti di autentica poesia e gag esilaranti e la fisicità del gufo si contrappone alla grandezza e alla staticità del Buio. Infine, la paura sarà superata e il Tony tornerà a condurre una vita da gufetto normale: l’amicizia però tra lui e il Buio verrà perpetuata tutte le sere…basterà alzare il naso, guardare i colori della notte e lasciarsi andare….

Scheda tecnica sintetica

Titolo: TONY HA PAURA DEL BUIO
Produzione Teatrodipietra 2010 per la scuola dell'Infanzia e primo ciclo scuola Primaria
Personale: 2 attori, TECNICO
Personale richiesto a supporto: nessuno se non necessario. Se fornito il vostro tecnico non porteremo il nostro.
Requisiti minimi: dimensioni minime di palco: 5 x 3,5 mt; 2 quinte; impianto luci del palco; impianto voce; quadro elettrico con portata fino a 2.500 W; lettore CD.
Requisiti aggiuntivi: nessuno.
 

 

 

imml'ISOLA COCCODRILLO

Leggenda popolare dell'Isola di Timor

PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA E PER IL PRIMO CICLO
DELLA SCUOLA PRIMARIA

Produzione di TEATRODIPIETRA ONLUS
Progetto e realizzazione scenica Il Baule Magico di Cassano D'Adda (MI)

Musiche originali dell'isola di Timor

Le storie dell'inizio del mondo sono tutte magiche sopratutto quelle che vengono da paesi lontani: dall'isola di Timor, appunto, una striscia di terra in mezzo all'Oceano sconfinato tra Indonesia e Australia. Tra favola e mito, la storia viene raccontata da uno sciamano, 'il maestro dell'isola' al centro della foresta australe. Il racconto narra di un'amicizia singolare fra un ragazzo e un coccodrillo: ad accumunarli la voglia di avvenutra, dettato da un cammino che si deve compiere. Due sono meglio di uno a patto che entrambe siano pronti alla generosità, all'ascolto e allo scambio. Fra molti pericoli e insidie scopriranno insieme il luogo dove trovare il disco d'oro. Ed è proprio in quel luogo che si compirà il loro destino con un finale inaspettato ed emozionante. La cifra narrativa dello spettacolo è quella della semplicità e della poetica dei gesti, dei silenzi, in un percorso circolare che incanta e che va dritto dritto al cuore.

Scheda tecnica sintetica

Titolo: ISOLA COCCODRILLO
Produzione Teatrodipietra 2013 per la scuola dell'Infanzia e primo ciclo scuola Primaria
Personale: 1 attori, 1 o 2 TECNICO
Personale richiesto a supporto: nessuno se non necessario. Se fornito il vostro tecnico non porteremo il nostro.
Requisiti minimi: dimensioni minime di palco: 5 x 3,5 mt; 2 quinte; impianto luci del palco; impianto voce; quadro elettrico con portata fino a 2.500 W; lettore CD.
Requisiti aggiuntivi: nessuno.
 

 

 

 

 

DEFINITIVA SENZA TITOLO con stelleLA BAMBINA A

TESTA IN GIU'

con ADRIANA MILANI E ALESSANDRA CAMURRI
revisione testuale e regia di  ROBERTO GALLUCCIO
PRODUZIONE TEATRODIPIETRA 2010

PER LA SCUOLA PRIMARIA, secondo ciclo

Giulia è una ragazzina come tante con la passione per le stelle e con un fratellino in arrivo. Una notte ecco che il nuovo nascituro scalpita per nascere e mamma e papà lasciano Giulia in attesa della zia. Mentre guarda le stelle vede qualcosa appeso in giardino, ma più che qualcosa sembra qualcuno…..c’è una bambina, ma non è una bambina come le altre.Mika arriva da un alto pianeta, Eljo, e nel suo viaggio è rimasta colpita da quel pianeta terra, tutto blu e azzurro che sembra una caramella. Le due fanno amicizia condividendo le loro conoscenze, perché Mika vuole sapere tutto di quel pianeta e Giulia gli racconta dell’origine della vita, dei dinosauri e dei mammiferi di cui fa parte e scopre con grande sorpresa che Mika non è un mammifero. Lei, infatti, è nata da un uovo di dinosauro eppure le due bambine sono così simili.  Come mai due diverse evoluzioni hanno portato allo stesso risultato? Qualcuno ha voluto tutto questo o avviene tutto per caso?
Mentre si interrogano Giulia scopre quante meraviglie nasconde ciò che la circonda da sempre, come la gallina: è l’unico animale al mondo a fare un uovo quasi tutti i giorni e questo è straordinario. Giulia, così rapita dal nuovo ospite, fa riposare Mika sotto il suo letto dandole una coperta per coprirsi e un coniglietto perché le faccia compagnia. La mattina dopo Mika è sparita e con lei il coniglietto, forse Giulia ha sognato tutto forse Mika non esiste, ma a Giulia non importa trovare risposta a queste domande, quell’ incontro le ha fatto capire che non bisogna dare nulla per scontato e che l’amicizia è un valore universale, anche quando si è così diversi…ma davvero poi così tanto?

 

 

CIMG3000

 

 

 

 

 

ENRICA…CHE SPETTACOLO DI FORMICA!

PER TUTTA LA SCUOLA PRIMARIA
Produzione di TEATRODIPIETRA ONLUS

Durante una visita turistica  il pubblico conoscerà da vicino la vita di un formicaio….e sarà un incontro speciale perchè lì conosceranno ENRICA, la formica senza sedere che vive la sua diversità con qualche problema. Infatti nel formicaio viene guardata con sospetto: alcuni la prendono in giro, altri non la considerano nemmeno. Ma la vita continua comunque con la sua routine di lavoro e di confusione perchè in un formicaio si sa c'è sempre moltissimo da fare. Fino al giorno in cui scoppia l'influenza e molte formiche sono a letto malate. Solo un colpo di genio può salvare la situazione e sarà Enrica a cambiare la vita di tutti. Carmela la magazziniera, sempre nervosissima, riuscirà a guarire, la Regina diventerà gelosa della nuova invenzione tanto da commissionare una vera e propria indagine. Ma alla fine la vecchia regina sarà costretta a lasciare il trono….solo una formica davvero speciale potrà prendere il suo posto. Uno spettacolo divertente, pieno di gag comiche e momenti interattivi, ispirato ad uno dei libri più apprezzati della letteratura per ragazzi. A dimostrazione che le differenze arricchiscono una comunità se si è pronti al cambiamento e all'ascolto.

 
 
 

SPETTACOLI IN ARCHIVIO

IL FLAUTO MAGICO

Spettacolo a tre attori
Produzione, revisione testuale e registica TEATRODIPIETRA ONLUS
musiche originali di Wolfang Amadeus Mozart
Costumi di Anna Maria Zannier- 
Pupazzi di  Letizia Fiorini
PER TUTTA LA SCUOLA PRIMARIA

PAPAGENO è uno strano “uomo uccello”, golosissimo che si aggira nel bosco in cerca di uccellini. Ma quel giorno troverà il principe Tamino con cui inizierà un’animata amicizia. Il  bosco in cui si trovano è però pieno di sorprese che porteranno Papageno e Tamino a vivere mille avventure: l'innamorarsi e lo sfidare prove difficilissime tra fuoco e acqua per dimostrare di essere forti e sicuri, in una sola parola adulti. Il lieto fine è assicurato ma lo spettacolo è tutto tranne che banale: soluzioni scenografiche  curiose e una vivace conduzione attorale con numerosi cambi a sorpresa e l'accompagnamento delle musiche originali dell'opera compositore austriaco W. A. Mozart, amato da grandi e piccoli.

 

MaAGA MAGO' e IL CAPPELLO di PULCINELLA

con  ALESSANDRA CAMURRI E ROBERTO GALLUCCIO
Testo e regia di  Roberto Galluccio

Un’avventura che ha come compagni di viaggio la “Commedia dell’Arte” e la fiaba, in cui molti personaggi improbabili danno vita ad un surreale e divertente intreccio. Maga Magò decide un giorno di liberarsi definitivamente di Mago Merlino. Ma per fare ciò nella pozione magica oltre a mille ingredienti strani ci vogliono anche i pidocchi di Pulcinella. La Maga riesce facilmente a rubare il cappello al povero Pulcinella addormentato e parte per preparare la pozione mortale. Ma la povera 'maschera napoletana' non è abituata a girare con la 'capa' scoperta. Pulcinella, un pò sempliciotto e un pò furbacchione, si mette in viaggio per ritrovare il suo cappello. Incontrerà sulla sua strada moltissimi personaggi improbabibli come la mamma di capuccetto rosso, un poliziotto e il Genio della Lampada. Tutti faranno una gran confusione ma Pulcinella avrà l'opportunità di rincontrare Maga Magò per un ultimo tentativo…ma attenzione perchè a vale sempre il detto 'A carnevale ogni scherzo vale!!!

 

SOGNANDO NATALE

Regia di Teatrodipietra
Spettacolo a due attori

 L'inverno è in corso e  gli orsi sono in letargo, ma un’orsa ha saputo della più grande festa dell’anno: il Natale. Così quest’anno ha deciso di puntare la sua “sveglia” proprio alla vigilia  per non perdersi il momento più festoso. Ma qualcuno interrompe i suoi preparativi: un signore pieno di energia, che ama i biscotti ed ha una strana agenda con sè, si accomoda in casa e coinvolgerà l'orsa in un turbine di azioni e racconti. La notte arriva in fretta ma prima che si accendano le  stelle uno strano vestito rosso farà la sua comparsa  e l'orsa vivrà il primo di una serie di meravigliosi Natali.

 

 

ESOPOLANDIA

Testo originale di Roberto Galluccio

Un re Leone dal cuore malato, una volpe Ciambellano truffaldina, un’orsa Contadina tenera e furba: tre personaggi che sicuramente sono anche di Esopo ma che in Esopolandia danno vita a una vicenda fatta di fiabe intrecciate l’una all’altra. Presso la corte di Leonestore vive il Ciambellano Volpeppina, suo fidato aiuto ma anche furba e pestifera. Arriva improvvisamente una danzante Orsola l'Orsa che innescherà le invide della volpe e da lì partiranno un intreccio di liti, faide, sfide e battibecchi. Ma nessuno ancora sa che il Re è molto malato di cuore….infatti freme d'amore per una dolce fanciulla a cui non ha avuto il coraggio di chiedere la mano. Riuscirà Leonestore a trovare il coraggio? Alla fine di ogni aneddoto non può che esserci una morale, così come al termine dello spettacolo non può che esserci il messaggio: auspicio per chi lo dà e chi lo riceve…

… il teatro è quel luogo dove gli attori portano in viaggio gli spettatori

 

 

 

 

CALENDARIO E NEWS

************************************

Abbiamo una nuova pagina su facebook.
Cercate:
TEATRODIPIETRA ONLUS
e  cliccate mi piace!

************************************

 

DICEMBRE

 

21  dicembre ore 20.30.00 VILLA SCHEIBLER via F. Orsini, QUARTO OGGIARO  sala torretta  reading IL TEMPO DELLE PAROLE SOTTOVOCE. Ingresso libero, consigliato a partire dai 16 anni.

22  dicembre ore 18.00 AUDITORIUM MUNICIPIO 8  via Quarenghi 21 Milano reading con orchestra IL FLAUTO MAGICO.Ingresso libero per famiglie.

22  dicembre ore 20.30 Biblioteca di Melegnano letture natalizie per bambini (prenotazione obbligatoria)

23  dicembre ore 17 .00 Cam Pecetta  SPETTACOLO Giu’ le mani dal Natale. ingresso libero

30  dicembre ore 16 .00 sala Consiliare del COMUNE DI BOBBIO (PC) animazione IL DONO SPECIALE.  ingresso libero

 

Buone feste!

 

Statistiche del sito

Totale Visitori: 101420
Ora online: 2